28.05.2004

Un vestito particolare per Campari Mixx

form
Presentare una nuova bevanda, in una situazione di mercato affollata di proposte e di marchi, non è semplice: ma Campari, per il suo "Campari Mixx", oltre a utilizzare un marketing vincente, si è avvalsa delle più moderne tecniche serigrafiche.
campari
. Campari Mixx si distingue per un packaging unico e di forte impatto estetico costituito da un rivestimento a copertura totale rosso metallizzato. Tra le diverse iniziative di marketing, il Gruppo milanese ha scelto la strada dei bar alla moda, dove ha collocato, insieme a diversi materiali POP firmati Campari Mixx, frigoriferi personalizzati che hanno anche il compito di fare da "testimonial" grazie a etichette autoadesive poste sui lati e lastre trasparenti fissate al frontale retroilluminato e riproducenti l'immagine della bottiglia. Per questi prodotti è stato dato incarico alla Serigrafia Formiginese dei fratelli Bizzini, una società  emiliana con sede a Formigine (Modena).

L'azienda nasce nel 1981 e il suo punto di forza è la costante ricerca della qualità : non a caso si è attivata per ottenere prima la certificazione ISO 9001 e, più recentemente, la Vision 2000. Corrado Bizzini parla della serigrafia come di una tecnica "viva", che si presta a innumerevoli interpretazioni sul tema, data la grande disponibilità  di materiali che aprono innumerevoli scenari di possibili combinazioni.
La sfida della Campari era quindi un'occasione di miglioramento, un'esperienza importante per il know how aziendale. Erano le dimensioni delle targhe a richiedere uno studio personalizzato: infatti, non bastava la collaudata tecnologia posta dalla Serigrafia Formiginese e l'accurata preparazione dei telai (la tensione viene sempre controllata, per ciascuno dei quattro colori, su almeno cinque punti). Era necessario un diverso approccio all'argomento, perchà© il marketing team di Campari voleva una immagine della bottiglia in quadricromia su due diversi supporti: PVC bianco per le superfici laterali e policarbonato trasparente per il frontale retroilluminato. I due materiali, infatti, presentano caratteristiche diverse: il policarbonato possiede, anche in fogli dallo spessore di soli 750 micrometri, una trasparenza e una resistenza intrinseca al calore che consente ripetuti passaggi in forno senza problemi di registro. Più difficile la lavorazione del PVC, che alle temperature delle lampade UV si deforma e tende a dare problemi di registro con conseguente caduta di definizione dell'immagine. Un fenomeno aggravato dal ridotto spessore dei fogli, dalle loro dimensioni (680x350 mm) e dalla presenza sul retro di adesivi permanenti per l'adesione al corpo del frigorifero. Adesivi che, tra l'altro, devono mantenere la funzionalità  in un ampio intervallo di temperature di esercizio, cioè da -40°C a +100°C. Da qui la cura indispensabile per ogni particolare della lavorazione. A rendere più facile il compito dei tecnici della Formiginese un materiale Autotype, il Capillex CP. L'assistenza e il supporto tecnico per l'utilizzo al meglio di questo prodotto viene fornita da Sirpi, distributore esclusivo per l'Italia di film capillari, emulsioni e prodotti chimici Autotype per serigrafia.
Per motivi di produttività  era necessario utilizzare pellicole da 700x400 mm, con un fondo pieno del rosso che distingue i prodotti Campari. Nello stesso tempo, la qualità  del prodotto doveva essere all'altezza della situazione: da qui la scelta di Bizzini di utilizzare il Capillex CP. Si presenta come un film di colore verde, ed è stato originariamente formulato per la stampa di cd utilizzabile su telai con tessuti da 140 fili/cm e con l'impiego di inchiostri a solvente o a essiccazione UV. Il film capillare viene prima esposto per due minuti con lampada da 5 kW a lunghezze d'onda comprese tra i 380 e i 450 nanometri posta a 1,2 m di distanza. Dopo lo sviluppo con acqua a 40°C e l'essiccamento a temperatura inferiore ai 40°C, Capillex assicura una risoluzione nell'ordine dei 40 micron. Tra le altre caratteristiche, la facilità  di montaggio sul telaio, facilmente recuperabile, che consente di ottenere una matrice perfettamente planare con un profilo (EOM) di 3 millesimi di mm e adatta a lunghe tirature. Tutto ciò con una tecnica di applicazione sostanzialmente simile a quella tradizionale.
(serigrafia & comunicazione esterna)

GRAZIE

La tua richiesta è stata inoltrata.
OK