16.06.2003

Ricamando il futuro: da Graph Creative maggio 2003

RICAMO Imb 2003 Ricamando il futuro Un evento di grande importanza internazionale, un'opportunità  preziosa per osservare i nuovi macchinari per il ricamo di Giacomo Micheletti
Tra il 6 e il 10 maggio si è svolta a Colonia splendida città  tedesca attraversata dal Reno e dominata dall'immensa bellezza del Duomo, la fiera internazionale del ricamo dell`Imb. Il salone di Colonia rappresenta il più importante punto d'incontro per gli operatori attivi nel settore dei macchinari per l'abbigliamento e la lavorazione del tessile.
In un clima surreale in cui innumerevoli visitatori, condizionati dalla paura di contrarre il virus Sars, cercavano di evitare il contatto con orientali, si procedeva a visitare gli stand dotati di enormi macchinari per il ricamo, la maglieria, il laser da taglio, la produzione di materiali sintetici e accessori vari.
Siamo rimasti impressionati dalle innumerevoli novità  riguardanti proprio i materiali. In questo settore, infatti la ricerca ha fatto passi da gigante offrendo l'opportunità  agli operatori della moda di sbizzarrirsi il più possibile.
Per quanto riguarda il ricamo, la Madeira ha presentato, oltre all'ormai famosa gamma di filati Classic, Polyneon e Burmilana delle novità  per quanto riguarda il filato metallizzato, ampliando e completando cosଠla già  nutrita cartella colori esistente.
I nuovi colori, denominati Supertwist Crystal, sono caratterizzati da una struttura straordinariamente morbida e da una luminosità  cristallina, pregiata, ma nello stesso tempo non appariscente evitando cosଠun aspetto troppo "metallico".
Madeira ha inoltre mostrato il nuovo software Colour Defination Package grazie al quale l'operatore può simulare i ricami, il materiale utilizzato e di scegliere i colori della cartella Madeira. In tal modo è possibile accedere alla visualizzazione virtuale del ricamo che verrà  effettuato con tutte le sue sfumature.
Tramite dei calcoli matematici, il software è poi in grado di indicare, con un margine di errore minimo, i punti richiesti per quel ricamo e la quantità  di filo da utilizzare, dando cosଠal cliente la possibilità  di programmare al meglio il lavoro e di ottimizzare le spese.
Accorgimenti sempre più sofisticati invece per Zsk, Tajima,Barudan, che ha presentato le macchine da ricamo del futuro, che permettono di migliorare la qualità  di produzione e la velocità  nell'esecuzione della operazione. Zsk ha anche presentato una macchina adatta ad aiutare operatori con poca esperienza.
Finora, infatti, la misurazione della tensione del filo, si imparava con l'esperienza e osservando il comportamento della macchina e l'esecuzione del ricamo; ora invece, nella nuova serie di macchinari, la tensione del filo viene regolata con il computer che tramite un sensore montato su ogni testa indica su un display l'esatto valore della tensione. Ciò porta ovviamente a evitare le problematiche relative alla tensione del filo e a rendere uniformi i ricami su ogni testa della macchina. Questa è solo una delle tante innovazioni visionate a Colonia e prossimamente sul mercato.
In fiera si sono percepiti i "rumors" del mercato e gli addetti ai lavori con cui abbiamo scambiato impressioni e dati, hanno confermato una netta ripresa del ricamo sia come strumento promozionale e dunque di personalizzazione, sia come strumento d'espressione degli stilisti che oggi tendono a impreziosire i loro capi con pregiati ricami di grande effetto.
Attendiamo dunque che tutto ciò che è stato esposto e visionato a Colonia, venga messo in produzione per osservare le reazioni del mercato che, a dir la verità , però sembra già  aver risposto per il meglio. .

GRAZIE

La tua richiesta è stata inoltrata.
OK