25.11.2003

STAMPA DIGITALE: OCCORRE PIÙ CREATIVITA'

STAMPA DIGITALE: OCCORRE PIÙ CREATIVITA' PER ACCAPARRARSI UN MERCATO DA 1,5 MDI DI EURO
Presentato a Milano uno studio AC Nielsen sul settore

E' di 1,5 miliardi di Euro -pari al 20% del valore complessivo degli investimenti pubblicitari netti italiani - il mercato della stampa digitale di grande formato. Lo afferma uno studio condotto da AC Nielsen C.R.A., presentato a Milano il 24 novembre scorso nel corso della mostra Visual Communication. Facciate degli edifici, pubblicità  esterna sui mezzi pubblici, pubblicità  a pavimento sul punto vendita ed in esterni, hanno d'ora in avanti la dignità  di un vero e proprio settore.
La stampa di grande formato (LFDP, Large3 Formato Digital Printing) esiste come realtà  autonoma dall'inizio degli anni novanta, ma negli anni ha assunto - a dispetto della crisi dei consumi e del calo degli investimenti - le caratteristiche di un vero e proprio boom, con tassi di sviluppo che AC Nielsen stima nel 20%.
Il mercato della stampa digitale di grande formato è composto di aziende giovani (sono circa 20mila, il 49,6 di loro non supera i tre anni di età ) e molto agguerrite, giacchà© stanno movendo all'assalto di un mondo nelle cui caratteristiche non si riconoscono. "Mentre il mercato della pubblicità  ragiona per costo-contatto, per listini e per mezzi consolidati, di cui si conosce assolutamente tutto - ha commentato Giovanni Federico Imperiali, amministratore delegato di Publivisual Venezia - la stampa digitale di grande formato lavora senza listini, non utilizza contenitori standard e non è in grado di presentare al cliente un a comunicazione con la redeption dell'investimento. Ciò nonostante, tutti concordano che l'efficacia di questo mezzo sia straordinaria, dal momento che le aziende vi fanno ricorso in maniera sempre crescente.
"Gli investimenti in pubblicità  in Italia - ha commentato Salvatore Sagone, direttore ADVExpress ed esperto in pubblicità  - dal 2000 sono in declino (salvo una lieve ripresa proprio in questi ultimi mesi) mentre gli investimenti in stampa digitale di grande formato, nello stesso periodo, si sono raddoppiati. Il mercato ha, quindi, decretato il successo di questo medium".
Secondo la ricerca, presentata a Milano da Turid Schneider-Helmhotz, Senior Research Executive di AC Nielsen C.R.A. - il 29,1% dell'investimento va in cartelli, il 15,8% in affissioni 6x3, il 13,8% nelle decorazioni fieristiche, il 2,8% nella decorazione degli edifici. "Siamo in presenza di una nuova creatività , tutta da inventare - ha commentato Luigi Magalotti, responsabile Produzione servizi di marketing della Sagit (Gruppo Unilever) - perchà© le agenzie che creano le campagne sono ora chiamate ad una maggiore competenza tecnica (sulla resa dei colori, per esempio) e, soprattutto, ad una rinnovata creatività  in grado di adattarsi a superfici e contesti diversificati. Per sfruttare al massimo la straordinaria emozionalità  della stampa digitale di grande formato, non basta certo più adattare alla facciata di un palazzo la pagina pubblicitaria pensato un magazine".

(da un comunicato stampa della Red Visual Italia)

GRAZIE

La tua richiesta è stata inoltrata.
OK