21.11.2002

LA 3M AL VISUAL COMMUNICATION 2002

Vist3m
QUELLO CHE SI E' VISTO...

La pellicola Scotchcal Colour Change 7735 ES Com'è ormai noto, si tratta di una serie di pellicole adesive per interno derivanti dal noto film Radiant. Sono disponibili in 6 colori diversi. Le pellicole Scotchcal Colour Change 7735 ES, disponibili in rotoli di m 1,19x41,15, sono stampabili con tecnologie che utilizzano inchiostri a solvente, sia mediante la stampa digitale sia con la tecnica serigrafica e fustellabili con i comuni sistemi per prespaziati, oltre che, naturalmente col taglio a mano. Godono di una garanzia di 2 anni.
La pellicola autoadesiva 3M Scotchcal IJ 40 Forse non la si può più considerare una vera novità , visto che è sul mercato da ormai qualche mese, ma la 3M Scotchcal IJ 40, una pellicola autoadesiva vinilica di tipo rimovibile e non, calandrata stabilizzata che va a posizionarsi nel settore "intermedio" per la sua specificità  di produzione, costi e lavorabilità , a fianco delle ormai note e diffuse Scotchcal 50 e 2330, è certamente una delle pellicole che hanno incontrato il più recente favore degli utilizzatori di questo tipo di materiale. E' disponibile al mercato con un'altezza massima di 152 cm. Garanzia fino a 3 anni.
Visant
Le pellicole Scotchtint™ e Scotchshield™,
Non poteva mancare questa serie di pellicole la cui caratteristica prevalente è il controllo della penetrazione della luce negli ambienti grazie alla loro capacità  di respingere verso l'esterno, in valori calibrabili sulle singole esigenze, gli eccessi dei vari elementi che compongono la luce visibile, compreso le radiazioni ultraviolette. Sono pellicole, peraltro ormai diffusissime, il cui impiego, com'è facile intuire, va dall'utilizzo presso gallerie d'arte dove permettono di controllare il dannoso effetto della luce sulle opere esposte, al trattamento di vetri di edifici migliorandone l'estetica, alla protezione di prodotti esposti nelle vetrine, all'applicazione sui vetri di autoveicoli, alla riduzione fino dei riflessi sui monitors dei computers, all'effetto specchio che impedisce la visibilità  dall'esterno verso l'interno a protezione della privacy, ecc.
I banner monofacciali, bifacciali e la rete
Notevole interesse ha sollevato anche il materiale sintetico per banner monofacciali, bifacciali e rete, quest'ultima con un'importante caratteristica che la distingue dai prodotti analoghi oggi esistenti sul mercato: una "tramatura" innovativa elimina l'esigenza del supporto protettivo posteriore cui, con l'utilizzo di altri prodotti, si ricorrere per eliminare i noti e fastidiosi passaggi d'inchiostro dalla faccia anteriore della rete a quella posteriore durante la stampa.
3M Grafiche Murali per la personalizzazione delle pareti Scrivendo di questo prodotto non si può far a meno di lasciarsi catturare dal suo fascino e, conseguentemente, farsi prendere la mano da espressioni lontane dal contenuto tecnico di cui è comunque ricco, quantomeno nella sua formulazione. Non voglio poi essere sacrilego dicendo importanti artisti avrebbero tratto vantaggio dalla tecnica Tatto Wall® nella ripetizione e nelle correzioni dei loro lavori, l'arte è un'altra cosa, ma sono certo di poter affermare che, per la semplicità  esecutiva, questo prodotto 3M darà  certamente una mano a numerosi architetti e alle persone desiderose di personalizzare una parete della propria casa o del proprio ufficio. Il Tatto Wall® del quale, sicuro dell'interesse che susciterà  fra gli addetti ai lavori, intendo parlare con più dettaglio in uno dei prossimi numeri della rivista, permette con la massima facilità , mediante un trasferimento diretto sulla superficie desiderata dell'immagine scelta, di ottenere un effetto affresco di alta qualità  e senza limiti di dimensione, da pochi centimetri a, volendolo, centinaia di metri quadrati.
Â…E QUELLO CHE SI E' SENTITO...
All'interno dello stand 3M ho sentito parlare della prossima presentazione al mercato di un flat-bed 3M Scotchprint® Printer 2500 UV con caratteristiche veramente interessanti. Ho sentito dire poi che non stamperà  solamente materiali piani, ma anche prodotti in rotolo (da rotolo a rotolo). La larghezza di stampa massima dovrebbe essere di due metri e mezzo, mentre lo spessore massimo dovrebbe aggirarsi attorno ai 7 centimetri e sessanta. Gli inchiostri? Certamente UV. Vi prometto che starò all'erta e, non appena conoscerò qualcosa di piùÂ…. Ma non è finita qui, ho sentito parlare anche di un inchiostro UV 3M flessibile che presto toglierà  gli stampatori dall'impiccio della famosa "polimerizzazione a catena incrociata", causa delle screpolature sotto la taglierina o in occasione dell'avvolgimento del lavoro.

Nino Fichera (effenino@tiscalinet.it)

Se si desiderano maggiori dettagli su quanto contenuto dall'articolo, cliccare su questo indirizzo: frohrer1@mmm.com nella mail che apparirà , indicare le notizie che si desiderano.

GRAZIE

La tua richiesta è stata inoltrata.
OK