13.04.2004

JcDecaux: nessuna fusione in vista con Viacom

JCDECAUXf
"E se mai avverrà , dovremmo essere noi i soci di maggioranza"
Nei giorni scorsi Michel Cacouault, presidente di Viacom France, aveva affermato sul Figaro che era al vaglio un'ipotesi di fusione tra i due colossi della pubblicit Viacom e Decaux. Ora, a stretto giro di posta, è arrivata la risposta di Jean-Franà§ois e Jean-Charles Decaux, i due condirettori generali del gruppo omonimo, che in un'intervista allo stesso quotidiano rifiutano ogni idea di fusione dicendo che, se mai avvenisse, sarà  il gruppo Decaux il socio di maggioranza.
"Nà© JcDecaux nà© Viacom sono in vendita, a quanto ci risulta", dicono i due manager. "E comunque, a fatura memoria, diciamo che oggi come oggi abbiamo superato la divisione comunicazione esterna del gruppo americano sia nel giro d'affari sia sui margini". Secondo i due manager, JcDecaux privilegia le partnership: è cosଠche agisce spesso con le concessionarie locali, come avviene in Italia, Austria e Paesi scandinavi. "Le alleanze continueranno a fare parte della nostra strategia globale di sviluppo, dove e quando necessario", dicono i due top manager, portando come esempio l'alleanza fatta proprio con la rivale Viacom negli Usa. "Le partnership sono un elemento che accelera il nostro sviluppo: su certi mercati è meglio avere una crescita organica". Il giro d'affari di JcDecaux è realizzato per il 65% fuori dalla Francia: il gruppo è primo in Europa e in molti singoli Paesi dell'Ue. Anche le acquisizioni però hanno dato in passato qualche soddisfazione al colosso francese, come nel caso dell'acquisto di Avenir, prima concessionaria al mondo per gli aereoporti.
Fatto del giorno a cura di Emma Ciceri

GRAZIE

La tua richiesta è stata inoltrata.
OK